Leonardo Fioravanti: buona la terza?

17546835_1336974259716526_4999813374149834807_o_w564_h425

Il giovane surfer italiano sarà in acqua tra poche ore per la terza tappa del Championship Tour. Nel Round 1in acqua con Gabriel Medina e Stuart Kennedy


Leo Fioravanti ci riprova. Tra poche ore entrerà in acqua per il Pro Bells Beach, terza tappa del  Championship Tour della World Surf League.
Il giovanissimo surfer del team Quiksilver, primo ed unico italiano della storia a guadagnarsi un posto di diritto nell’Olimpo del Surf, è stato inserito nella Heat 3. Ancora una volta un campione del Mondo da affrontare, Gabriel Medina, insieme all’australiano Stuart Kennedy.

Ripercorriamo l’ultima tappa di questa incredibile esperienza che sta portando Leonardo a confrontarsi con i più forti surfer in attività e a scrivere una pagina di questo sport.

Al Drug Aware Margaret River Pro, vinto alla fine dal surfer SPY Campione del Mondo in carica John John Florence, il talento italiano non riesce a superare il Round 2 contro il surfer australiano Joel Parkinson. Che sarebbe stata una tappa in salita lo si era capito fin dall’inizio. Leo era finito in Heat 1 contro ben 14 titoli mondiali: gli 11 di Kelly Slater e i 3 di Mick Fanning.

All’ultimo momento la decisione della WSL di spostare il campo di gara da Margaret River, lo spot principale del contest, a North Point, una baia 15/20 km più a nord.
La mareggiata fatica ugualmente ad entrare, l’inizio viene posticipato fino alle 10 del mattino (ora locale) e quando i 3 surfer entrano in acqua si capisce che sarà una heat davvero complicata.

Passano i primi 10 minuti senza onde finchè una serie importante non arriva ma travolge i surfer, piazzati troppo in basso sulla line up. Guadagnata nuovamente la posizione partono in ordine Fanning e Slater ma entrambi commettono degli errori.
Optano quindi per la quantità di onde piuttosto che la qualità mentre Leo rimane in cima al picco più grande. Fanning e Slater accumulano punteggi al di sotto della sufficienza mentre Leo aspetta l’onda perfetta.

Ha una sola possibilità e vuole giocarsela alla grande. Sa che con una buona onda può superare entrambi gli avversari. Allo scadere del tempo arriva e Leo ci mette dentro tutto il suo estro e la sua tecnica tentando una rotazione aerea che purtroppo non riesce a chiudere.
Finirà la sua Heat con 1 solo punto e sarà costretto al Round 2.

Anche al Round 2, che si è svolto nel main spot di Margaret River, si trova davanti un avversario tutt’altro che semplice da affrontare: Joel Parkinson.
Leonardo è ancora una volta bravissimo a tener dietro l’avversario e a costringerlo ad inseguire finchè Joel non pesca dal mazzo un’onda che gli vale 8,33 punti.
A quel punto Leo pazienta in attesa di un’altra onda in grado di fargli superare lo score di Parkinson ma inutilmente. Finirà 15,86 a 14,83 per l’australiano.

“E’ stata una bellissima heat con Parko, anche se ho perso sono felice della mia performance” è stato il commento a caldo di Leo.
Speriamo che al Pro Bells Beach l’epilogo sia decisamente diverso.

In attesa di scoprire come andrà a finire guarda il video Radical Times – Gold Coast con Leonardo Fioravanti e gli altri surfer del team Quiksilver cliccando qui.